Entra Registrati

FASE DUE con stile, anzi... street style!

Finalmente per strada, ci riappropriamo degli spazi della nostra città come esploratori nuovi e le mascherine diventano un accessorio trendy

Finalmente per strada, ma con stile... le mascherine diventano un accessorio del proprio outfit e fanno tendenza. Le stoffe scelte dai ragazzi di @Paggetto_official sono colorate, giovani e divertenti, noi abbiamo scelto queste, ma vediamo che sono in tanti quelli che si divertono ad abbinare le proprie mascherine agli abiti e che questo è un modo per scrollarsi di dosso la paura e di ritrovare il sorriso anche se nascosto ancora per un pò dietro quelle stoffe. Anche questo è uno dei modi con cui gli italiani reagiscono alle avversità, con la creatività imprenditoriale e con l'arte. 

Ci riappropriamo degli spazi della nostra città come esploratori nuovi, con occhio attento e ci capita di notare cose a cui forse prima non avevamo fatto caso. Prima di cosa? Prima del lockdown naturalmente, prima di essere costretti a casa per mesi, fino a tre per i più sfortunati. Ora riprendiamo timidamente a camminare all'aria aperta senza paura di essere fermati e di dover giustificare il perchè! Semplicemente perchè lo vogliamo e queste sono di nuovo la nostra città, le nostre strade! Noi ad esempio abbiamo trovato questo angolo urbano che sembra uscito da una metropoli underground. Amiamo i graffiti e la street art e questo posto ne è un ottimo esempio, di come l'espressività artistica clandestina a volte possa valorizzare un luogo altrimenti anonimo e desolante.

Queste immagini che ci siamo divertiti a scattare con la nostra amica e professionista Marta Ombri rispecchiano molto la carica con cui abbiamo affrontato questi momenti difficili sotto vari aspetti ma molto stimoltanti. All'inizio, quando siamo stati costretti a chiudere e lo abbiamo fatto restii con paura e smarrimento e anche tanta rabbia per i fatti che ci circondavano. E poi quando abbiamo ricominciato a lavorare a porte chiuse, con gli ordini online e le consegne a domicilio, ci siamo adattati, dopo la ripartenza ne siamo stati quasi sopraffatti, tanto lo stress e ritmi di lavoro pressanti fino al limite, poi invece il tutto è diventato uno spunto creativo per lasciare spazio a nuovi metodi e nuove idee.

Ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo guardato avanti, passo dopo passo lungo la nostra strada, e ora... navighiamo a vista! Di mese in mese si capirà quando gli eventi e i matrimoni potranno avere luogo di nuovo e quando la routine, se cosi possiamo chiamarla, riprenderà il nostro lavoro. Un anno diverso questo che nessuno, noi compresi, ci dimenticheremo. Dobbiamo ammettere naturalmente che siamo tra i fortunati, sia nella salute che nel lavoro, e di questo dobbiamo essere grati! Ora è tempo di pazienza, un tempo lento in cui tirare fuori dal famoso cassetto progetti mai dimenticati e tirarne fuori qualcosa di valido.

a presto, i ragazzi di KaDò flowerdesign

dal Blog